Looking For Fashion?




Le strategie dei campioni


L’idea venne alla signora Estée Lauder in persona: regalare dei campioncini alle clienti del suo store di New York per far provare loro i prodotti. Erano gli anni 30 e iniziò così una delle più semplici ed efficaci strategie di marketing. I piccoli formati dei sample sono diventati negli anni un caposaldo degli acquisti beauty. Hanno permesso alle aziende di far conoscere sempre più prodotti alle consumatrici, e a quest’ultime di scoprirne di nuovi di proprio interesse, o più semplicemente di ricevere un omaggio gratificante post-shopping. 

Oggi, a seguito della pandemia da Covid-19 e dell’incremento degli acquisti online, i sample diventano strumenti personalizzati di pre-acquisto consapevole: lo shopping ora comincia direttamente dai campioncini, che vengono acquistati per provare un prodotto ed essere sicuri che sia adatto ai propri bisogni evitando sprechi. «Lo scopo è comprare meglio e meno», raccontano Simona Tamassia e Linda Romano, founder di Plentiness.com, boutique online costruita intorno alla filosofia beauty inside out, che ha lanciato la Sample Box, una consulenza digitale a cui segue l’invio di échantillon personalizzati. «Attraverso alcune domande sulla pelle siamo in grado di inviare i sample di skincare adatti alle esigenze della cliente, che potrà provarli e valutare l’acquisto della full size», spiega Tamassia. 

La personalizzazione è il cuore anche del marchio di haircare Shampora.it. «Scegliere da soli i prodotti per capelli online non è facile», afferma il fondatore Manuel Corona. «Ci si basa su recensioni e articoli, ma non si può sapere con certezza se il prodotto che ci incuriosisce sia specifico per i nostri capelli. Shampora colma questo vuoto, dando la possibilità alla cliente di descrivere nel dettaglio le caratteristiche della sua chioma, attraverso un questionario di 30 domande, analizzato poi da un algoritmo che combina tra loro i diversi dati». Ne derivano prodotti creati intorno alla persona, che si completano anche con la label del proprio nome. E che rendono più facile la shopping experience anche in questa fase.

Nell’ottica di facilitare gli acquisti beauty online, è stata creata la piattaforma W I K I P A R F U M , motore di ricerca con una biblioteca digitale di ingredienti olfattivi che propone fino a 5000 fragranze diverse.

Da Vogue Italia, n. 839, luglio/agosto 2020